ULTIMI POST

giovedì 27 luglio 2017

Lago di Como (e Lugano)... in camper - 22/25 Aprile 2017

   

Itinerario in camper sul Lago di Como dove il tempo si è fermato alla Belle Epoque,  tra eleganti ville e atmosfere raffinate con toccata e fuga, in territorio elvetico, nella sofisticata Lugano... 



- Almeno una volta l'anno, vai in un posto dove non sei mai stato prima. - 
(Dalai Lama)


LUOGHI VISITATI: Menaggio, Villa Carlotta, Bellagio, Lugano (CH)     


La meta scelta per il ponte del 25 Aprile 2017 è stata il Lago di Como, per noi ancora sconosciuto.
Non volendo spostarci col camper ogni giorno, abbiamo optato per far sosta al Camping Europa Menaggio in posizione strategica per poi muoverci con battello o pullman.      
Il lago di Como, o Lario, è il terzo bacino dell'Italia Settentrionale e, con i suoi tre rami, assomiglia ad una ipsilon rovesciata.
Presenta un paesaggio sorprendente e affascinante, acque dalle tinte verdi e azzurre, rilievi rocciosi, paesi arroccati tra le montagne e il lungolago (Cernobbio, Tremezzo, Menaggio, Varenna, Bellagio...), città ricche di storia e cultura (Como e Lecco), ville lussuose e maghifiche (Villa d'Este, Villa Carlotta, Villa Bernasconi...).   



Si respira ovunque un'atmosfera da Belle Epoque che esalta ancor più la magia di questo lago.

1° GIORNO: Bernezzo (CN) - Menaggio (323 Km)

Partiamo da Cuneo il 22 mattina, noi tre e gli zii, scegliendo di percorrere l'Autostrada che, in Italia, per spostamenti un po' più lunghi, è praticamente d'obbligo.
Raggiungiamo Menaggio in tarda mattinata e individuiamo agevolmente il campeggio che però, a causa della sua dislocazione, non ha un accesso semplice, soprattutto per camper un po' lunghetti come il nostro. 
Il camping, un po' datato, avrebbe bisogno di qualche miglioria e ci capiterà di trovare in un'occasione la doccia fredda causa guasto; il gestore è comunque molto gentile e lo splendido affaccio direttamente sul lago, con annessa piccola spiaggetta, ripagano gli aspetti negativi; il centro del paese è a circa 500 mt.
Piazza Garibaldi
Dopo pranzo e un po' di relax facciamo una passeggiata in centro paese.
Menaggio, si trova in posizione ottimale per scoprire il Lago di Como; è caratterizzata da una piazza centrale, Piazza Garibaldi, su cui si affacciano bar e negozi e possiede un bellissimo lungolago; essendo un paese di dimensioni modeste richiede poco tempo per essere visitato.

Si trova sulla sponda occidentale del Lago di Como, all'inizio di un'ampia valle che la collega al Lago di Lugano. I suoi grandi alberghi risalgono ai primi dell' '800. 

Rientriamo in campeggio per una doccia e poi torniamo in centro per un aperitivo e la cena. Optiamo per il locale
La Trattoria che ci attira per i prezzi più contenuti e l'aspetto  dei piatti sui tavoli di altri commensali. 
Mio marito opta per un primo di mare e tagliata, io per il pesce di lago con contorno, mentre per nostro figlio è disponibile il menù bimbi. I piatti sono tutti ottimi e mi sento di consigliare anche il fritto di pesce di lago, fantastico alla vista... 

Incantevoli il centro ed il lungolago illuminato dai lampioni, l'atmosfera romantica, a tratti decadente, ci riappacifica con il mondo. 


2° GIORNO: Menaggio - Villa Carlotta - Bellagio - Menaggio

Il 23 mattina pianifichiamo la giornata che prevede la visita di Villa Carlotta e di Bellagio.

Scegliamo di raggiungere la Villa attraverso un mezzo insolito: il trenino turistico Trombetta Express che effettua un tour tra Menaggio e Lenno, offrendo fermate intermedie.


Facciamo il biglietto di sola andata (adulti € 5,00 sola andata, € 8,00 A/R, bimbi 3-8 anni € 2,00 o € 3,00 A/R) e ammiriamo il lungo lago da una prospettiva un po' insolita.

Raggiunta la Villa ci dirigiamo alle biglietterie (€ 10 adulto, tariffa 2017) prima di immergerci nel suo bel parco.


Villa Carlotta è principalmente nota per il magnifico parco botanico di 70.000 mq. 
La dimora, un tempo chiamata Villa Clerici, fu fatta edificare dal marchese Giorgio Clerici nel 1600 e successivamente, con l'acquisto nel 1800 da parte del Marchese Sommariva, si arricchì di numerose opere d'arte (Canova, Thorvaldsen, Hayez) tanto da diventare una delle mete più visitate del Lago di Como.
Il nome Villa Carlotta venne assunto solo dopo la seconda metà del 1800, quando la Principessa Carlotta, come regalo per le sue nozze con Giogio II duca di Sassonia, la ricevette in dono dalla Mamma Marianna di Nassau che ne era entrata in possesso quattro anni prima. 
Gli interni sono visitabili e mostrano ancora parte della collezione di oggetti d'arte e al secondo piano gli arredi e  oggetti originali della Principessa Carlotta. 



Il parco è celeberrimo per la sua magnifica fioritura primaverile di rododendri e azalee; ma non bisogna dimenticarsi delle camelie, cedri, sequoie secolari ed altre varietà che si possono ammirare per tutto il resto dell'anno.

 


Terminiamo la nostra visita decisamente più impressionati dal parco rispetto alla Villa e ci dirigiamo all'imbarcadero, proprio di fronte, attendendo il battello per Bellagio (€ 4,60 adulti a tratta).


Raggiungiamo Bellagio poco prima di pranzo e ci fermiamo in un bar per un pranzo veloce.
Bellagio è anche conosciuta come "La perla del Lago di Como" e tale definizione la rappresenta appieno. 
La sua storia è stata dettata da un susseguirsi di dominazioni che iniziano con gli Insubri, popolo che abitava la Lombardia prima dell'arrivo dei Galli, per poi passare da Romani, Longobardi, Franchi fino agli Sforza nel 1400.
In questo splendido borgo si susseguono caratteristiche abitazioni e suggestivi vicoletti sui quali si affacciano numerosi negozi.

Passeggiamo per il centro, affollatissimo di turisti concedendoci, prima di ripartire, un caffè e un dolce in uno dei tanti caffè vista lago. 
Una delle chicche di Bellagio è a parer nostro lo stile architettonico dell'imbarcadero; quando ci si avvicina sembra di esser tornati in un'altra epoca.

Prendiamo il battello alla volta di Menaggio, costeggiando alcuni borghi del lago... degne di nota le coloratissime case di Varenna che si affacciano su bacino.
Varenna
Rientrati in campeggio ceniamo e ci rilassiamo in camper visto il fastidioso vento che si è alzato. 


3° GIORNO: Menaggio - Lugano (CH) - Menaggio


Il 24 mattina ci dirigiamo verso la stazione degli autobus per la nostra gita fuori porta... Svizzera: Lugano. (prezzo del biglietto € 12,60 adulti A/R)
In poco meno di un'ora raggiungiamo la cittadina elvetica e dopo una decina di minuti di cammino siamo in centro.
La giornata è un po' freddina e nuvolosa...

Lugano è un comune svizzero del Canton Ticino adagiato su una parte dell'omonimo lago e circondato da bellissimi panorami alpini. Ha origini antiche che lo fanno risalire al 875; la forma medievale si protrae fino alla fine del '700 e con il passaggio dall'antico al nuovo regime la scena sociale muta, la città si espande oltre le mura che vengono abbattute. Ora Lugano è una città moderna e visibilmente elegante.

Raggiungiamo in primis il suo Parco Civico che ospita Villa Ciani; restiamo affascinati dalla bellezza e pulizia di questo parco.




Pranziamo su una delle tante panchine presenti e ci godiamo la vista direttamente sul Lago di Lugano.

Successivamente proseguiamo verso il centro dove spiccano, tra portici in stile italiano, edifici dall'eleganza quasi austera ma mai eccessiva. 
Da Piazza della Riforma, il salotto della città, ci immettiamo in Via Nassa, via principale, dove si trovano numerose boutique e negozi chic.
Vie del centro

Piazza della Riforma
Nella patria degli orologi, sono immancabili i negozi che li vendono e le loro insegne non passano inosservate...


Da Piazza Riforma parte il trenino turistico "La Freccia Rossa" che fa fare il tour della città e decidiamo di prenderlo.

Dai suoi vagoncini ammiriamo le funicolari del Monte Brè e del San Salvatore, il Casinò, il Palazzo dei Congressi, Villa Ciani e il Museo d'Arte nonché il suo lungolago.

Chiesa Santa Maria degli Angioli
LAC
Terminato il giro in trenino è purtroppo giunta l'ora di ritornare alla fermata Bus per il rientro a Menaggio, soddisfatti di aver assaporato un piccolo angolo di Svizzera in cui torneremo per un approfondimento.

Dopo la cena in campeggio ci concediamo un'ultima passeggiata sul lungolago di Menaggio che è anche il nostro saluto a questo weekend Lombardo.



Curiosità

GASTRONOMIA

La parte del Lago di Como da noi visitata non offre vini particolari ma in cambio è possibile trovare il tipico pesce di lago: Agone, "Misultin" (agone essiccato),Pesce Persico, Lavarello, Alborella.



Viaggiare con i bimbi

- Trenino "Trombetta Express" che da Menaggio arriva a Lenno percorrendo il lungolago 
- Spostamenti con il battello da un paese all'altro del Lago di Como
- Trenino "La Freccia Rossa" che permette il tour panoramico di Lugano


Indirizzi Utili

DORMIRE

- Camping Europa, Via dei Cipressi 16 - MENAGGIO  (GPS 46.025575, 9.239089)


MANGIARE

- La Trattoria, Via Carlo Camozzi 18 - MENAGGIO  (GPS 46.020641, 9.239525)

2 commenti:

  1. Bellissimo giro e bellissima zona. Il lago di Como è un'emblema di eleganza e raffinatezza. I suoi scorci sono invidiati da tutto il mondo. Meraviglioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te sull'eleganza, è proprio la prima impressione che mi ha dato.

      Elimina

LASCIACI UN COMMENTO