ULTIMI POST

Pubblicato il 27/06/18e aggiornato il

Francia del Sud, breve itinerario in camper tra Carcassonne, Avignone e Gordes

Diario di viaggio nel sud della Francia

Breve diario di viaggio in camper alla scoperta di tre dei luoghi più amati della Francia del sudAvignone la città dei Papi, Carcassonne e la sua Cittadella e l'incantevole villaggio di Gordes:  quando la mini-vacanza diventa indimenticabile



- Partire è vincere una lite contro l'abitudine. -
 (P. Morand)


LUOGHI VISITATI: Carcassonne, Avignon, Gordes. 


Approfittiamo del ponte del 1° Maggio per fare il nostro secondo viaggio in camper.
Optiamo per la visita di due città meravigliose del Sud della Francia come Carcassonne e Avignone e di uno dei paesi considerati tra i più belli: Gordes
Un'idea di viaggio perfetta per un ponte lungo, con quattro o cinque giorni a disposizione.  


INDICE DELL'ARTICOLO


- 1 GIORNO: Bernezzo (CN) - Arles (360Km)


Partiamo nel tardo pomeriggio con direzione Arles dove faremo tappa per la notte.   
Il nostro tragitto per raggiungere la Francia prevede il passaggio dal Colle di Tenda ed autostrada fino ad Arles (altre alternative per raggiungere la Francia le potete trovare nel nostro articolo Valichi e Trafori Alpini).
Raggiungiamo Arles in serata e ci fermiamo presso il parcheggio del Centro Commerciale Fourchon utilizzato anche nel nostro viaggio precedente.


- 2 GIORNO: Arles - Carcassonne (223 Km)


Al nostro risveglio il tempo è brutto e decidiamo di spostarci subito a Carcassonne.
Raggiungiamo la città in tarda mattinata e sostiamo all'area di sosta Parcheggio Camper P2 in Chemin de Montlegun comodissima alla Cité a poche centinaia di metri. 

Ingresso alla cittadella fortificata

Carcassonne è una splendida città fortificata situata nel sud della Francia ed inserita nella lista del Patrimonio mondiale dell'umanità dell'Unesco.

Le origini risalgono al 3500 a.C., in seguito i romani costruirono una fortezza militare a doppia cinta muraria e 53 torri, in cima alla collina. 
Il medioevo è l'epoca di maggior prestigio, che porta la città ad essere uno dei maggiori centri dell'eresia catara. 
Verso la fine del XVII secolo avviene un graduale abbandono della Città Alta verso la Città Bassa che aveva iniziato a prosperare con l'industria tessile.
La cittadella viene quasi dimenticata, diventando una cava; nel XIX secolo un'importante restauro, ad opera di Viollet-le-Duc, la riporta ai fasti d'un tempo.
Carcassonne è ora una delle mete più visitate in Francia ed è stata inserita tra i Siti Patrimonio Unesco.

Nel primo pomeriggio andiamo alla scoperta della città che da subito si rivela in tutto il suo splendore. 
La Porta Narbonnaise si erge imponente con il suo ponte levatoio e il suo fossato, fuori dalle mura il vecchio cimitero fa mostra di se.
Il cimitero fuori le mura della cittadella

La porta principale di accesso alla cittadella
Porta Narbonnaise
La Città Medievale è formata da una doppia cinta muraria, 53 torri e 4 porte d'accesso ed è le più belle cittadelle fortificate d'Europa. 
Il camminamento sulle mura è incredibilmente suggestivo e permette di godere di un meraviglioso panorama sulla città bassa nonché di poter ulteriormente apprezzare l'imponenza della costruzione.

L'imponente cinta muraria e le sue torrette

Parte del camminamento sulle mura della cittadella

Panoramica dall'alto della Città Bassa

Successivamente ci addentriamo nel centro della cittadella, percorrendo le caratteristiche stradine acciottolate.
Nonostante il gran numero di turisti, camminare tra questi vicoli è un po' come fare un tuffo nel passato, in quel medioevo lontano che ha saputo così bene modellare questo luogo.

Ogni viuzza è ricca di negozietti tipici e di souvenir e le belle piazzette punteggiate dai tavolini dei bar.
Scorcio di una delle vie del centro della cittadellaUno degli scorci della cittadella fortificata


Una delle pittoresche piazzette di Carcassonne

Degna di nota è la grandiosa Basilica di Saint Nazaire costruita tra l'XI e il XIV secolo e considerata uno dei gioielli della Francia del sud. 
Di pregio sono i rosoni e le vetrate che conferiscono all'interno una luce del tutto particolare e che rappresentano uno tra gli esempi più spettacolari del Midi francese.
Facciata della Basilica di Saint Nazaire


Interno della basilica di Carcassonne

Splendido rosone della Basilica di Saint Nazaire


Proseguiamo fino al Chateau Comtalcostruito per volere dei Troncavels nel XII Secolo. 
L'edificio, inizialmente adibito a dimora feudale, divenne  una fortezza nella fortezza.
Esterno del Castello Comtal di Carcassonne

Oggi è un museo lapidario ed ospita una collezione di statue, sarcofagi e oggetti tipici del periodo gallo-romano e medievale.
Troviamo la biglietteria chiusa e ci accontentiamo di ammirarlo dall'esterno.
Il fossato del castello di Carcassonne

Mura dello Chateau Comtal

Si è ormai fatta ora di cena e cerchiamo un locale tipico dove poter provare le specialità del luogo. La nostra scelta ricade sul Ristorante l'Ostal, con splendidi interni rustici, che si rivelerà una piacevole sorpresa.

Col calar della sera la città si svuota acquisendo un'atmosfera magica e riprendendo la sua identità. Ogni angolo è incantevole e ci lascia senza parole.
Ingresso alla cittadella con la luce serale

Le strade ormai deserte della cittadella di notte

Scorcio sulla porta di accesso alla cittadella in notturna

Carcassonne ci ha fatto innamorare di sé, il suo restauro, a parer nostro, l'ha arricchita permettendo al visitatore di poterla ammirare nella sua veste di un tempo, fiera ed imponente.
Splendido panorama notturno sulle mura della cittadella

- 3 GIORNO: Carcassonne - Avignone (239 Km)

La mattina, dopo colazione, salutiamo Carcassonne e ci dirigiamo verso la prossima tappa, ossia la città Papale di Avignone.

Raggiungiamo la meta in tarda mattinata e, dopo una prima occhiata al parcheggio camper indicato all'Ile de Piot, vicino al Ponte Eduard Daladier, optiamo per il Camping Bagatelle, con ampie piazzole, market, bar e buon blocco sanitario.


Dopo il pranzo decidiamo di fare una prima escursione in città, il cui centro dista a pochi minuti dal campeggio.
Panorama della città di Avignone


Avignone è una splendida città della Provenza, adagiata lungo il fiume Rodano, per molti anni centro di primaria importanza per arte, cultura. 

Quando nel 1305 Papa Clemente V sceglie di trasferirne qui la sua sede, che viene mantenuta per circa settant'anni, assume il ruolo di massima città papale e la sua cinta muraria ricorda ancora i fasti di un tempo che fu. 
La storia della città risale al Paleolitico ma furono i romani a consolidarne il villaggio e a trasformarlo in Avenio dal quale deriva il suo attuale nome. 
Il centro, racchiuso da mura, è caratterizzato da vie tortuose, piazzette all'italiana e dal magnifico e imponente Palazzo dei Papi, di architettura medievale e in stile gotico, considerato tra i più belli di tutto il continente. 


Nella stessa piazza del Palazzo dei Papi, si trova il medievale Petit Palais, oggi sede di un importante museo.

Non distante si trova il secondo gioiello della città, il Pont Saint Bénézet il notissimo Ponte d'Avignone, entrato a far parte del Patrimonio mondiale dell'umanità dell'Unesco.
Il Ponte Saint Benezet è uno dei simboli di Avignone

Altro importante edificio è l'imponente Cattedrale Notre-Dame de Dome, costruita su una precedente chiesa paleocristiana e usata come prigione durante la Rivoluzione Francese. 
Di notevole rilievo sono inoltre la scenografica via Rue de Tentouriers, il Museo Lapidario, il Museo Calvet, l'affollata Place de l'Horologe con il Municipio.
Il Municipio di Avignone si trova in Place de l'Horloge

Presso la piazza del Palazzo dei Papi è possibile prendere il Trenino Turistico che consente un comodo tour della città con audioguida anche in italiano.

Trenino Turistico: durate 45 minuti, partenza ogni 30 minuti. 
Tariffa € 9,00 intero, € 6,00 bambini 4-12 anni 
Noi ne approfittiamo in modo da avere una panoramica di quello che Avignone offre e poter così approfondire quanto di maggior interesse.
Il giro è davvero piacevole e ci porta in zone che probabilmente non avremmo raggiunto a piedi.
Bei giardini della città di Avignone

Una delle chiese di Avignone


Terminato il tour passeggiamo tra i vari negozietti e le viuzze del centro prima di raggiungere il camper per la cena; più tardi sono immancabili due passi in centro per poter apprezzare la città illuminata.
La città di Avignone alle luci della sera

Il centro è davvero incantevole e tutto il complesso del Palazzo dei Papi, ormai privo di turisti, assume un aspetto austero, solenne, sembra quasi riportare l'intera città ai fasti e ad un tempo passato.


- 4 GIORNO: Avignone

Dedichiamo l'intera giornata alla scoperta più approfondita della città.
Iniziamo subito con il Palazzo dei Papi sperando di non trovar troppa coda alla biglietteria e optiamo per il biglietto cumulativo con il Ponte Saint Benezet.

Tariffa: € 14,50 intero, € 11,50 ragazzi 8-17 anni. 
Tariffa solo palazzo: € 12,00 intero, € 10,00 bambini 8-17 anni 
Tariffa solo ponte: € 5,00 intero, € 4,00 ragazzi 8-17 anni
Il Palazzo dei Papi è un magnifico palazzo medievale inserito nel Patrimonio Mondiale dell'Unesco; viene costruito a partire dal XIV secolo e completato in meno di 20 anni.

Sormontato da quattro imponenti torri diventa ben presto il maggior simbolo di potere della Chiesa ed è rimasto l'edificio gotico più grande della città.
Lo splendido Palazzo dei Papi di Avignone

E' possibile visitare 25 stanze tra cui: 
- la Grande Sala delle Udienze che era sede delle Cause Apostoliche (poi diventata Sacra Rota);
- il Concistoro;
- la Cappella Clementina dove si tenevano servizi liturgici ed eventi ufficiali;
La Cappella Clementina del Palazzo dei Papi di Avignone
Cappella Clementina

- la Camera Papale decorata con meravigliosi affreschi; 
- il Grande Tinello dove venivano organizzati sontuosi banchetti;
Il Grande Tinello del Palazzo dei Papi di Avignone
Grande Tinello

Gli interni del Palazzo dei Papi di Avignone


Nel chiostro si affacciano 4 edifici fortificati il cui impatto visivo è notevole.

Dalle terrazze si può godere di un panorama spettacolare sulla città e sulla piazza.
I tetti di Avignone, vista panoramica


All'interno del Palazzo è possibile osservare i modellini che ripercorrono la storia dell'edificio con tutti i momenti costruttivi ed i vari ampliamenti. 

Restiamo affascinati da questa visita che rimane un must per chi vuole conoscere la città, il prezzo del biglietto viene sicuramente ripagato.
Terminato il giro nel palazzo ci dirigiamo al Ponte Saint Benezet il cui ingresso era compreso nel biglietto da noi acquistato.
Il Ponte di Saint Benezet sul Rodano ad Avignone

Il Ponte è stato costruito tra il 1177 e il 1185 secondo la leggenda da un giovane pastore del Vivarais: Benezét, per ordine celeste.
Ultimato si estendeva su una lunghezza originaria di circa 900 metri con 22 archi.
E' distrutto nel 1226, durante la crociata Albigese, dalle truppe di Luigi VIII; ricostruito viene sempre portato via da varie piene del Rodano ed infine sarà abbandonato nel XVII secolo.

Attualmente ha 4 archi ed una cappella dedicata a San Nicola ed è rimasto celebre in tutto il mondo grazie ad una canzoncina per bambini "Sur le Pont d'Avignon".

Sui due lati del fiume sono erette delle case di guardia a causa della sua notevole importanza strategica. 

Sul lato francese la Torre di Filippo il Bello che come il ponte è anch'essa abbandonata nel XVII secolo. 
Nel 1822 la città di Villeneuve-les-Avignon fa demolire quello che restava della fortezza, mantenendo soltanto la torre.

Vista di Avignone dal Ponte Saint Benezet

Avignone - Vista del Rodano dal Ponte Saint Benezet

La vista sulla città, sul fiume e sulla città vicina di Villeneuve-les-Avignon è assolutamente caratteristica e colui che lo percorre riesce a percepire una quiete del tutto particolare, lontana dal brusio turistico del centro.

Percorriamo tutto l'itinerario guidato fino a raggiungere il parco Rocher des Doms da cui si può godere di un panorama stupendo.

I giardini sono in stile inglese e studi archeologici hanno attestato insediamenti umani fin dal Neolitico. 
Dal XVIII secolo diventa un luogo per passeggiate molto frequentato e dal XIX secolo subisce degli interventi di migliorie che portano all'aggiunta di piante e cespugli e alla creazione di laghetti. 
Una delle statue installate nei giardini Rocher des Doms ad Avignone

Laghetto al Rocher des Doms

I giardini sono davvero piacevoli e consentono una pausa rigenerante dopo il tanto camminare tra le vie del paese ed i suoi edifici.
Successivamente decidiamo di visitare la Cattedrale di Notre Dames de Doms che sorge su una precedente Chiesa Paleocristiana e fa parte anch'essa del Patrimonio Unesco. 

Oggi presenta una navata e diverse cappelle mentre il suo campanile risale al 1425, quando è stato riedificato a seguito di un crollo.
La cattedrale ospita tra l'altro le spoglie di Papa Giovanni XXII ed è nota per il suo splendido carillon di 35 campane e per il suo organo capolavoro dell'ottocento.
L'esterno della Cattedrale Notre Dame des Doms di Avignone

L'interno della Cattedrale Notre Dame des Doms di Avignone

Si è ormai fatto pomeriggio e trascorriamo ancora un po' di tempo passeggiando tra le vie del centro e la caratteristica  Rue de la Peyrolerie che sembra scavata nella roccia.

- 5 GIORNO: Avignone - Gordes - Bernezzo (CN) (426 Km)

Siamo ormai giunti al termine della nostra mini vacanza e dopo colazione ripartiamo alla volta della nostra ultima tappa prima di casa: Gordes.
Troviamo un parcheggio lungo la strada in Route de Murs.
Castello e simbolo del paese di Gordes
Il Villaggio di Gordes si trova in Provenza ed è classificato tra I più bei villaggi di Francia.
E' composto da edifici in pietra con tonalità che vanno dal giallo al beige e da qui si può ammirare uno dei più bei panorami sulla vallata della Vaucluse.
Vista panoramica da Gordes sulla Valle della Vaucluse

Edificio degno di nota è il Castello edificato nel 1031 che ha dato al villaggio una certa importanza. 
La facciata del castello del paese di Gordes

Al primo piano della sala è presente una sala dal soffitto in legno con un magnifico camino scolpito e con nicchie che avrebbero dovuto ospitare delle statue.
Camino scolpito all'interno del castello di Gordes

Di fronte al castello spicca la Piazza Genty Pantaly con la sua bella fontana.

Fontana di Piazza Genty Pantaly

La chiesa del XII secolo è di origine romanica e successivamente dedicata a Saint Firmin vescovo di Uzes.
Interni e decori della Chiesa di Saint FirminUna delle statue della Chiesa di Saint Firmin
Ciò che rende incantevole e romantico questo paese sono sicuramente i suoi vicoletti in salita che confluiscono lo sguardo sulla vallata circostante e che, grazie ai giochi di luce, fanno brillare come oro le facciate delle case.
Strade e case in pietra del villaggioScorci pittoreschi del centro villaggio e della sua pietra

Tipico negozio provenzale nel centro villaggio

Concludiamo la visita di questo incantevole borgo e ripartiamo diretti verso casa.


Seppur in pochi giorno abbiamo scoperto luoghi meravigliosi, città e borghi che sono a pieno titolo tra i più visitati di Francia.


Vista del Rodano dal Ponte Saint Benezet e noi di ViaggiamoHg


Per Bambini

- Girare per la cittadella di Carcassonne muniti di finte spade o scudi in vendita nei vari negozi e fingere di essere cavalieri per un giorno
- Tour in trenino nella città di Avignon
- Scorrazzare nel parco Rocher des Doms di Avignon



Indirizzi Utili


DORMIRE

- Centro Commerciale Fourchon,  Rue Gerard Gadiot - ARLES (GPS 43.668029, 4.633214) FREE
- Parking 2 de la Citè, Chemin de Montlegun - CARCASSONNE (GPS 43.205080, 2.372398) A PAGAMENTO CON SERVIZI C/S
- Camping Bagatelle, Allée Antoine Pinay 25 - AVIGNONE (GPS 43.953532, 4.798656)


MANGIARE

- L'Ostal des Troubadours, Rue Viollet le Duc 5 - CARCASSONNE (GPS 43.207298, 2.363840)



SOSTARE

- Route de Murs - GORDES (GPS 43.914885, 5.200742)



SITI UTILI

https://www.tourisme-carcassonne.fr/    
https://avignon-tourisme.com




Ti potrebbero interessare anche:

 
Itinerario Pont du Gard, saline e fenicotteri
Pont du Gard, Saline e Fenicotteri
   
Provenza in camper
       Provenza tra viola e ocra      
 
Provenza e lavanda
Provenza per la fioritura della lavanda



2 commenti:

  1. Giusto l'altro giorno stavo parlando con il mio fidanzato delle prossime vacanze e stiamo pensando di trascorrere la Pasqua in Camargue! Ci sono stata da bambina con i miei genitori e ho dei ricordi meravigliosi! Vorrei visitare sia Carcassone che Avignone, Arles e poi casomai vedere qualche borgo della Provenza.
    Questa estate sono stata con mia mamma tre giorni in Provenza (ho visto anche Gordes, un gioiellino) per ammirare la fioritura della lavanda (che spettacolo!) Spero tanto di riuscire a realizzare il sogno di un viaggio on the road in Camargue fra qualche mese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Camargue e l'intera Provenza è bellissima. Ti consiglio sia Saintes Maries de la Mer, considerata capitale della Camargue, che Aigues Mortes (che anche se geograficamente fuori è da tutti inserita in quest'area). Immancabile una vista delle saline.

      Elimina

LASCIACI UN COMMENTO