ULTIMI POST

martedì 25 febbraio 2020

Visitare VILLA CARLOTTA: sul Lago di Como i giardini più belli.




Villa Carlotta ed i suoi meravigliosi giardini, direttamente affacciati sul Lago di Como, sono una visita imperdibile per chi si appresta a scoprire i tesori del Lario. Guida all'esplorazione di questo sito dall'atmosfera deliziosamente romantica. 



Se state programmando una visita del Lago di Como, non potrete escludere dall'itinerario la visita di Villa Carlotta e dei suoi bellissimi giardini, tra i più rinomati della zona. 
Durante un ponte del 25 aprile, e tre giornate piene a disposizione, la nostra mini-vacanza in camper sul Lago ha previsto le visite di Menaggio, Villa Carlotta che abbiamo raggiunto in trenino e lasciato con il battello, Bellagio e Lugano in Svizzera (clicca qui per leggere l'intero diario di viaggio).
Questa località si trova sulla sponda centro occidentale del Lario, nel comune di Tramezzo, a metà strada tra Lenno e Menaggio.
La stagione migliore per la visita è quella primaverile, periodo in cui nel parco la fioritura è al suo massimo splendore ed i profumi intensi avvolgono e accompagnano il visitatore; se doveste programmare il viaggio in altre stagioni non preoccupatevi, anche in estate ed in autunno sarà comunque possibile godere della sua bellezza.
La Villa ed i giardini sono aperti da fine marzo a inizio novembre.

Storia di Villa Carlotta

Come tutte le ville di un certo rilievo, anche questa ha la sua storia caratterizzata da un susseguirsi di proprietari e migliorie. 
Un tempo chiamata Villa Clerici, dal nome del Marchese Giorgio Clerici che la fece edificare, risale al 1690.
Gian Battista Sommariva ne entrò in possesso nel 1800 ed essendo appassionato e collezionista d'arte, l'arricchì con opere di pregio di importanti artisti tra cui Canova, Hayez e Thorvaldsen.
A metà del 1800 venne invece acquisita da Marianna di Nassau, moglie del Principe Alberto di Prussia, che quattro anni dopo la donò alla figlia Carlotta come regalo per le sue imminenti nozze con il duca di Sassonia Giorgio II.

Visita della Villa  

Una volta raggiunto l'ingresso al sito e superata la biglietteria (tariffe e dettagli al fondo dell'articolo), potete scegliere se iniziare il vostro percorso di visita dalla Villa o dal giardino botanico.
La Villa, disposta su due piani, ospita al primo le opere d'arte della collezione di Sommariva, che ancora sono rimaste, mentre al secondo i mobili e gli oggetti appartenuti alla principessa Carlotta e al marito. 

1. PIANO

  • SALONE DEI MARMI

Questa stanza ospitava i marmi della collezione di Sommariva che attualmente sono stati distribuiti nelle altre sale ma conserva ancora il Gruppo di Venere e Marte e lungo le pareti il Fregio di Thorvaldsen, capolavoro scultoreo dell'epoca.
Venere e Marte e sullo sfondo il Fregio

  • SALA DI AMORE E PSICHE

Qui è conservata la copia della celebre opera di Amore e Psiche del Canova, realizzata da Adamo Tadolini.
Tadolini, allievo prediletto del noto artista, proprio da questi ricevette il modello in gesso dell'opera con l'autorizzazione a realizzarne quante copie volesse. 
Nella stessa sala sono presenti anche dei bassorilievi di Giuseppe Franchi.
Amore e Psiche

  • SALA DI HAYEZ

Nella stanza sono conservate alcune opere pittoriche tra cui spicca il capolavoro di Hayez "L'ultimo Bacio di Romeo e Giulietta"

  • SALA DI PALAMEDE

Al centro della sala è esposta la statua di Palamede, uno dei capolavori di Canova, che immortala il mitico inventore del gioco di dama e degli scacchi nonché figlio di Nauplio.

  • SALA DELLE VEDUTE

I decori di questa stanza vennero rinnovati nei primi anni del 1900 da Ludovico Pogliaghi, su incarico di Giorgio II, prendendo spunto dalla pittura pompeiana e dalle tonalità accese del rosso. 
Soffitto della Sala delle Vedute

  • SALA GESSI

Qui troviamo un'esposizione di modelli di età neoclassica ed alcuni rilievi alle pareti. Tra le opere principali spicca la Musa di Tersicore di Canova. 

  • SALA DELLA MADDALENA

In questo locale è presente una replica della Madonna Penitente del Canova.
L'originale era ospitata nella casa parigina di Sommariva ed una copia venne commissionata dallo stesso per la villa di Tramezzo. 

  • SALA SOMMARIVA

Nella sala sono presenti i ritratti di famiglia dei Sommariva ed un quadro dell'artista francese Jean-Baptiste Wicar: "La Lettura del VI canto dell'Eneide alla corte di Augusto".


  • SALA DEI CAMMEI

I cammei esposti fanno parte di una collezione realizzata a Roma e rappresentavano un tempo il perfetto souvenir dai viaggiatori del Grand Tour data la loro facilità di trasporto.
Nella stessa sala sono presenti alcune statue rimosse, per motivi di conservazione, dalle guglie del Duomo di Milano.




  • SALA Di NAPOLEONE

Nella sala sono presenti alle pareti alcuni ritratti della famiglia di Napoleone e stampe dei Fasti, ovvero racconti delle gesta di Napoleone in guerra ed in pace.

2. PIANO

Salendo al secondo piano, oltre all'affaccio splendido sul Lago di Como dalle ampie finestre e porte finestre delle sale, si possono ammirare gli arredi ed oggetti appartenuti alla principessa e al coniuge Giorgio II.

  • CAMERA DI CARLOTTA

Nella stanza è presente una stampa che riproduce un ritratto della principessa all'età di 20 anni oltre ad arredi e oggetti che richiamano alla stessa Carlotta, alcuni dei quali risalgono però al periodo successivo alla sua morte, quando subentrarono le altre due mogli del duca Giorgio II.


  • CAMERA DA LETTO

La camera conserva un ricco mobilio dai pregiati materiali quali mogano, bronzo e madreperla. Se nella camera della Principessa, i toni erano quelli del lilla e del rosa, in questa dominano il verde ed il giallo.

  • STUDIO DEL DUCA

Nello studio sono presenti lo stendardo di Sassonia, affiancato ai simboli araldici del territorio e allo stemma ducale, volumi di botanica e riproduzioni fotografiche appartenute al Duca. 


  • SALA DA PRANZO

L'arredamento e gli oggetti sulla tavola apparecchiata risalgono al XIX secolo e sono in stile neoclassico. Di pregio sia le porcellane che i calici.


  • SALA DELL'ARAZZO

Così come si intuisce dal nome, la stanza ha come protagonista principale un grande arazzo tessuto a Bruxelles e risalente al XIII secolo mentre sulla parete opposta è presente un dipinto del cinquecento appartenente alla collezione di Giorgio II.

  • SALOTTO IMPERO

La sala è impreziosita da dipinti, tra cui un'odalisca di Hayez ed una copia della "Venere di Urbino" di Tiziano, e da arredi della seconda metà dell'ottocento, che rispecchiano il gusto del Duca Giorgio II. 


  • SALA ROSSA

L'ultima stanza che visitiamo è la sala così definita per il richiamo al colore delle preziose sedie che troneggiano al centro. 
A completare il tutto, altri arredi tra cui cassapanche del XIX secolo, stampe ed un busto in gesso.


Giardino Botanico

Il parco, con i suoi 70.000 mq. e la famosa fioritura primaverile dei rododendri ed azalee, è probabilmente il principale motivo per cui si visita Villa Carlotta. Si compone del Giardino all'Italiana che risale alla costruzione della villa e si estende frontalmente all'edificio, a partire dai cancelli d'ingresso, e dal Giardino Romantico di superficie maggiore, che si sviluppa ad est e ad ovest della Villa.
La nostra visita è iniziata dapprima percorrendo il giardino all'Italiana e l'area ovest del Giardino Romantico, per poi spostarci all'interno della villa e concludere con la zona est del Giardino Romantico.



GIARDINO ALL'ITALIANA


Realizzato secondo i crismi del classico giardino all'italiana o giardino formale, molto in voga nel '700 illuminista, si compone di siepi, statue, fontane e terrazze 

  • IL TUNNEL DI AGRUMI

L'installazione è presente sin dai tempi dei primi proprietari della Villa e si estendeva addirittura su più terrazze mentre ora è rimasta solo su una di esse. 
La coltivazione di cedri, mandarini, aranci, limoni e bergamotti viene protetta adeguatamente in inverno con teli di plastica e le fioriture, nei diversi periodi dell'anno, consentono all'agrumeto di essere quasi sempre ricco di frutti. 


  • LE ROSE

Rampicanti, sui muri di contenimento delle varie terrazze, si innalzano queste splendide rose che stupiscono sia per la grandezza del fiore che per il profumo. Le due principali specie presenti sono la bianca Rosa Harlekin e la Goldener Olymp dal delicato color rosa. 


  • LE CAMELIE


Questi fiori sono uno dei vanti di Villa Carlotta ed una delle principali ragioni per la notorietà della stessa. Si sviluppano attorno alla villa, sul retro dell'edificio e nel Giardino all'Italiana e le specie sono numerose quali ad esempio: la Conte di Cavour, la Vittorio Emanuele II, la Garibaldi. 

  • STATUE E FONTANE

Tra i terrazzamenti adiacenti alla villa sono presenti numerose fontane e fontanelle adornate da statue che ricordano gnomi e buffe creature del bosco 



GIARDINO ROMANTICO



Questo giardino è quello che si estende su di una superficie maggiore e si sviluppa ad ovest della villa con il Giardino Vecchio e ad est con imponenti scenografie fatte di aiuole fiorite, piante e sentieri. 

  • ROSE INGLESI

Alcuni dei fiori piantati più recentemente appartengono alla specie delle Rose inglesi, profumatissime rose che fioriscono da maggio a settembre/ottobre.

  • AZALEE


Le azalee, insieme alle camelie di cui vi abbiamo parlato sopra, sono uno dei simboli di Villa Carlotta che l'hanno resa celebre in tutto il mondo. Vi ritroverete a passeggiare all'interno di una macchia di colore, con aiuole dal fascino assoluto, disseminate sapientemente lungo il percorso; se volete godere appieno della loro fioritura dovrete visitare il parco verso il mese di maggio. 

  • LE PIANTE TROPICALI

Le Piante Tropicali, nella bella stagione, vengono ospitate vicino ad una grotta interrandole nell'aiuola con i loro vasi, mentre durante la stagione fredda vengono messe a riposo nelle serre.  

  • IL GIARDINO ROCCIOSO


Un'altra zona particolarmente suggestiva e pittoresca è quella del giardino roccioso dove sono state predisposte, in modo sapiente, differenti tipologie di piante tra cui cactus e agavi.


  • I RODODENDRI ARBOREI

Risalgono probabilmente agli inizi del '900 le installazioni dei Rododendri arborei in specie ibride. I caldi colori di fiori e rami contribuiscono ad abbellire ulteriormente questo parco. 


  • PIANTE MONUMENTALI


Numerose sono le piante monumentali disseminate lungo il parco che contribuiscono ad arricchirne la bellezza: pini, cedri, sequoie, platani.
Molte di queste sono state volute direttamente dal Duca Giorgio II.

  • VALLE DELLE FELCI E PIANTE AROMATICHE

A conclusione dell'allestimento del parco non potevano mancare una zona dedicata alle felci voluta dal Duca Giorgio II, sfruttando un avvallamento naturale ed una zona per le piante aromatiche, al confine occidentale del parco, creata lungo un pendio.  
Piante aromantiche sul pendio in alto a destra

Per Bambini



Visitare il parco della villa con i suoi colori, profumi e geometrie, sarà sicuramente un'occasione di divertimento anche per i più piccoli. 


Tariffe ed Orari


La Villa ed i suoi giardini sono aperti da fine marzo a inizio novembre con orario dalle 9:00-19:30 (da marzo a settembre), 9:30-18:30 (da fine settembre a ottobre), 10:00-17:00 (da fine ottobre ai primi di novembre).
Le tariffe sono di € 12,00 adulti, € 10,00 over 65, € 6,00 studenti da 6 a 26 anni; in più sono previste gratuità e agevolazioni per gruppi e famiglie. 

Come Arrivare


Villa Carlotta si trova nel comune di Tramezzo in Lombardia nella provincia di Como, sulla sponda occidentale del Lago di Como. E' raggiungibile percorrendo la SS340 che segue il lungolago ed è a circa metà strada tra Menaggio e Lenno. Oltre a raggiungerla in auto si può arrivare con una delle corse in battello previste (l'imbarcadero è in prossimità dei cancelli della Villa) o con il trenino turistico che percorre la tratta Menaggio-Lenno con numerose fermate intermedie.  





42 commenti:

  1. Non ho mai visitato questa villa, ma la trovo davvero bellissima. La terrò sicuramente presente quando andrò sul lago di Como.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me merita davvero una visita per chi si appresta ad esplorare quelle zone. Insieme a Villa del Balbianello (che non ho ancora visitato) è forse la più bella.

      Elimina
  2. Pazzesca questa villa! trovo ancora più affascinante il giardino, ma questa è anche una mia passione. Grazie per avercela fatta conoscere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Personalmente il giardino è quello che mi è piaciuto di più. Davvero meraviglioso; e io non l'ho visitato nel periodo di massima fioritura ma una ventina di giorni prima.

      Elimina
  3. Non conoscevo questa bella villa pur essendo abbastanza vicino a me. La segno per una gita

    Julia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merita sicuramente una visita; è tra le più visitate tra quelle del Lago.

      Elimina
  4. Bello! E la camera di Carlotta sembra quasi attuale. A chi piace come stile, ovvio. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me gli interni, sopratutto quelli con il mobilio mi sono piaciuti molto e ancor più il parco.

      Elimina
  5. Ciao non conoscevo questa villa, la zona del Lago di Como non l'ho ancora visitata. Mi ci perderei giorni e giorni tra quelle sale meravigliose e gli esterni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piacerebbe anche visitare la zona bassa con Como e Lecco; spero di riuscire a organizzare quanto prima.

      Elimina
  6. Mi stupisce sempre constatare con mano quante bellezza, quanta arte - storia e cultura ci circondi a volte. Abito a pochi chilometri da Como, a Milano per la precisione, eppure sono ancora così tante le cose che dovrei imparare su quella splendida città! Penso ne approfitterò in primavera per visitare anche quanto ci hai consigliato tu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi accorgo che molto spesso più i siti turistici sono vicino a noi e più non li visitiamo. Almeno per me è così e mi sono ripromessa quest anno di approfondire parte dei tesori che mi circondano.

      Elimina
  7. Sono le ville antiche e i giardini come questa che ispirano tante delle nostre idee per week end o gite di un giorno. Villa Carlotta ci manca e ne approfitteremo appena arriva la primavera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fate bene, ve la consiglio. Il parco in primavera è spettacolare.

      Elimina
  8. Ammetto di non conoscere affatto la zona del Lago di Como che invece mi piacerebbe molto conoscere. Bellissima questa villa con questo ricco parco botanico, deve essere un luogo molto romantico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La villa ed il suo parco sono davvero incantevoli e secondo me meritano una visita per chi decide di programmare un itinerario nella zona

      Elimina
  9. Ho visitato questa bellissima villa l'anno scorso, e sono rimasta estasiata dai giardini. In primavera sono uno spettacolo incredibile, mai visti tanti fiori e colori così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te. I giardini sono davvero sensazionali.

      Elimina
  10. I miei genitori dicono di avermici portata ma ero così piccola da non ricordare neanche un dettaglio purtroppo! Quindi dovrò tornare! Mi attira tantissimo i giardini anche *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si allora dovrai tornare. I giardini sono davvero splendidi, a noi sono piaciuti più della villa.

      Elimina
  11. Conoscevo di nome questa villa ma non avevo idea custodisse così tante meraviglie! Che spettacolo il giardino, mai vista una camelia con quei colori! Bellissime!

    RispondiElimina
  12. Il giardino è sicuramente l'elemento più di rilievo. Noi abbiamo visto tantissimi colori e non eravamo ancora nel periodo di massima fioritura.

    RispondiElimina
  13. Villa Carlotta è un incanto. Anni fa, vivevo proprio vicino a Como e attendevo con ansia che aprisse a ogni primavera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si hai ragione è davvero meravigliosa, soprattutto il giardino.

      Elimina
  14. Anch'io ho visitato Villa Carlotta apprezzandone sia gli interni che gli esterni. Nei giardini mi sono letteralmente persa tra fiori e piante finendo con lo spenderci un intero pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anche io che il giardino sia la parte più bella anche se la Villa non è comunque da disdegnare anzi. I colori ed i profumi nel parco mi hanno lasciato incantata.

      Elimina
  15. Siamo stati a villa Carlotta qualche anno fa, ma abbiamo visitato solo il suo immenso parco. Vedendo le tue foto, sicuramente conviene visitare anche la villa... torneremo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Giardino penso sia la parte più bella ma anche la Villa merita indubbiamente una visita.

      Elimina
  16. Frequento regolarmente il lago di Como da diversi anni, credo sia uno dei più belli. Ho visitato molte volte la villa del Balbianello ma questa che tu citi invece no! Sarà una buona scusa per tornare a fare un giro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me Villa del Balbianello invece manca e vorrei prima o poi visitarla. Mi incuriosisce molto.

      Elimina
  17. Amo molto le ville e dimore storiche. Questa villa poi ha il plus del giardino botanico che è davvero splendido. Ottima per una gita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, il giardino è fantastico e da solo vale il viaggio. Ottima soluzione per una giornata a contatto con relax e natura.

      Elimina
  18. C'e' un posto simile qui vicino ed anche li' nel giardino ci sono le piante aromatiche. Stupendo!

    RispondiElimina
  19. ricordo con affetto questa bellissima Villa, fu il tema di un compito in classe di gruppo l'ultimo anno delle superiori e la visitai in quella occasione è stupenda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero una bella villa e ancora di più il suo splendido giardino botanico.

      Elimina
  20. Il lago di Como e le sue ville racchiudono luoghi davvero spettacolari. Non sono mai stata a Villa Carlotta, me la segno per una bella gita quando questo brutto periodo sarà finito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Villa e soprattutto il suo giardino meritano una visita e sono ideali per una gita fuori porta. Io ho già un elenco per quando questo periodaccio sarà alle spalle.

      Elimina
  21. Siamo stati sul lago di Como molti anni fa. Tanta nebbia, troppa, ci ha fatto cambiare rotta dopo due giorni. Dovremmo tornarci per poter visitare meglio i paraggi. Questa villa più non l’avevo mai sentita nominare. Deve essere davvero una bella esperienza da fare in loco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh con la nebbia avete fatto benissimo a cambiare itinerario. La Villa è una delle più belle del centro lago e merita una visita.

      Elimina
  22. Non conoscevo la villa, è sempre interessante visitare la antiche dimore per vedere come si viveva. Interessante il colore sgargiante della camera di Carlotta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo è anche il parco botanico. Secondo me meritano una visita entrambi

      Elimina

LASCIACI UN COMMENTO